Come organizzare un trasloco senza stress

Come organizzare un trasloco senza stress

Cambiare casa, anche se si tratta di una scelta voluta e positiva, genera sempre un pò di ansia; significa modificare le proprie abitudini, abbandonare la sicurezza e la tranquillità della ‘vecchia vita’.

Inoltre, allo stress psicologico, si aggiunge quello fisico: preparare scatole piene di oggetti e organizzare materialmente il trasporto non è affatto semplice, ma lo può diventare con la giusta metodologia e organizzazione.

Ecco qualche consiglio per organizzare un trasloco con maggiore serenità.

Segnare le scadenze e compilare delle liste

Scrivere le varie attività è utile per capire effettivamente il tempo necessario per gestire tutti gli aspetti tecnici del trasloco.

Se dovete lasciare una casa in affitto, occorre inviare la disdetta della casa entro i termini contrattuali previsti (dai 3 ai 6 mesi) tramite pec o raccomandata.

Svuotare il frigo e sbrinare il freezer, segnare tutte le letture dei contatori e, prima di lasciare definitivamente la vecchia casa, staccare la corrente e chiudere il gas.

Attenzione ad appuntarvi tutte le scadenze sul calendario: chiudere le vecchie utenze, saldare tutte le bollette, aprire i nuovi contratti di fornitura di luce e gas, chiamare la ditta dei trasporti per fissare il “giorno X” e preparare gli scatoloni.

Occhio agli appuntamenti con elettricista, idraulico, mobiliere e consegna degli elettrodomestici (se è una nuova casa): tutto deve essere annotato scrupolosamente. I giorni del trasloco saranno così intensi da rischiare di dimenticare qualcosa.

Eliminare il superfluo

Disfatevi di ciò che non vi serve o non vi piace, come oggetti regalati e mai utilizzati.
Potete donare i vostri oggetti ad associazioni o comunità, oppure venderli al mercatino dell’usato.
Un’occasione da cogliere al volo per fare decluttering e lasciarsi alle spalle tutto ciò che non desiderate più.

Accettare gli imprevisti

Gli intoppi ci saranno; vivete i giorni di transizione serenamente, tra nuova e vecchia casa, pronti ad accogliere con il sorriso ciò che succederà.

Visitare la nuova zona

Se state cambiando quartiere o città, trovate il tempo per visitare il nuovo rione e stringere  amicizia con i vicini.

Quando vi trasferirete definitivamente tutto vi sembrerà più famigliare!

Come fare gli scatoloni

Procuratevi degli scatoloni per trasportare tutte le vostre cose; potete recuperarli usati gratuitamente nei negozi, oppure acquistarli nuovi. Nel calcolare la stima delle scatole di cartone, moltiplicate sempre la quantità per tre, non è semplice quantificare tutto ciò che si possiede!

Partite da una stanza che utilizzate poco e impacchettate prima ciò che adoperate raramente, e per ultimi tutti i prodotti di prima necessità.

Utilizzate fogli di carta di giornale, pluriball e applicate del nastro adesivo per sigillarli.

Se possibile recuperate le scatole originali degli oggetti di valore e impilate tutti gli scatoloni in base a peso e dimensioni. Per facilitarvi il trasporto, create due maniglie laterali, utilizzando un taglierino.

Via libera anche ai contenitori di plastica impilabili, ideali per quegli oggetti che non si prestano all’imballaggio nella scatola di cartone.

Se avete dei mobili da trasportare fissate bene i cassetti con del nastro adesivo e avvolgeteli accuratamente con del pluriball (attenzione agli spigoli).

Durante il trasloco, preparatevi anche un kit di sopravvivenza:
una cassetta degli attrezzi, una torcia, sacchetti della spazzatura, salviettine imbevute, carta mani, detersivi, ma anche acqua fresca, snack e frutta.

Fidatevi, vi serviranno!

Indossate indumenti comodi con tasche e scarpe confortevoli.

Se avete noleggiato un furgone, disponete all’interno prima gli oggetti ingombranti come materasso e mobili, e utilizzate un carrello porta pacchi  per trasportare gli scatoloni. Posizionate ai lati del furgone gli oggetti più voluminosi e, al centro, gli scatoloni più pesanti. Infine, fissate tutto con delle  cinghie di ancoraggio

Se invece vi affidate ad una ditta specializzata fate una fotografia ad ogni mobile e scatolone, e supervisionate personalmente l’intera operazione.

Come organizzarsi dopo il trasloco

Arrivati nella nuova casa fate una lista di priorità, per capire come procedere a svuotare ogni scatola di cartone.

Non abbiate fretta a sistemare subito ogni cosa, concedetevi il giusto tempo per trovare la disposizione più consona a tutti i vostri oggetti.

Verificate che prese, rubinetti e riscaldamento funzionino correttamente e iniziate con le pulizie; partite dal bagno e proseguite con la cucina e la camera da letto. Queste operazioni potete eseguirle anche prima del trasloco effettivo. Potete avvalervi dell’aiuto di amici e parenti, oppure di una ditta di pulizie specializzata.

A trasloco concluso, valutate attentamente ogni nuovo acquisto. Giorno dopo giorno troverete le idee giuste per arredare la vostra nuova casa.

Burocrazia

Finalmente il trasloco è finito, ma ci sono altre cose da fare: chiedere il cambio di residenza e comunicare il nuovo indirizzo al datore di lavoro, all’agenzia delle entrate e all’Inps.

Infine, dovrete recarvi all’Asl e scegliere un nuovo medico di famiglia, se siete al di fuori dalla città di provenienza.

Ora che avete tutte le informazioni su come organizzare il trasloco non vi resta che iniziare!

Potete acquistare il necessario per organizzare un trasloco sul nostro shop online , o presso il nostro punto vendita a Lecco in Via Tagliamento 32, nelle vicinanze dell’Ospedale e del Centro Commerciale Iperal.